Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2012

Ho creduto

che crocifiggermi

alla porta

avrebbe scongiurato

il tuo abbandono.

Ho bendato gli occhi

per non vedere

la violenza rabbiosa

delle tue mani

mentre scostano

il mio corpo

che oscilla

macabro

come un pendolo

che non misura

più il tempo

per scandire

l’amore.

Annunci

Read Full Post »

Read Full Post »

Quello che di giorno domino

la notte mi appare nel sogno

con una ferocia inaudita

e nessun risveglio lava via la tristezza

che mi accompagnerà per il resto del giorno.

Il buio trascina storie seppellite dal sole

incubi

rimossi dalla gelida e teatrale autonomia

di chi scivola nella finzione.

Ci si ammala di tristezza.

Ma non c’è nessuno a cui chiedere aiuto

perché la tristezza non la ostenti

non la porti scritta sul tuo corpo

la tristezza la custodisci dentro

la nascondi

la ignori

perché è un dolore dell’anima

una spia rossa che chiude il sipario

e ti costringe a smettere di recitare.

Read Full Post »

www.youtube.com/watch?v=WR5_oiayAew

Joe Cocker~You Are So Beautiful (Live at Montreux 1987)

Read Full Post »

Ho scoperto, con mio sommo piacere, che nei blog è usanza abbastanza diffusa elargire con grande generosità consigli d’uso da utilizzare nei rapporti con l’altro sesso, della serie:  ti dico io come comportarti altrimenti tu, non racimoli un cazzo.

Generalmente queste profonde illustrazioni/seghe mentali ci vengono inflitte dal sesso maschile in quanto rinomati conoscitori della psiche femminile (almeno così amano definirsi), allora ho deciso di aprire un canale di comunicazione per dar modo ed offrire, sempre gratuitamente, ulteriore materiale femminile su cui lavorare.

Chiameremo questa rubrica in diversi modi, ma per iniziare potremmo intitolarlo così:

COME SOPRAVVIVERE INDENNE ALL’UOMO CHE NON SA SCOPARE

Argomento spinoso che di solito è trattato solo in ambito femminile e sappiamo benissimo, che i termini usati tra noi donne, sono i peggiori che mente umana possa mai concepire. Si passa dal “coniglio che gli scappa” a “l’arriccia capelli gratuito” alla “tempesta di passaggio” talmente di passaggio che non devi neanche rifarti la piega. Queste categorie di uomini in genere sono facilmente riconoscibili, se non si è offuscati dalle tenebre dell’amore a perdere, sono in genere narcisi che godono a ritrovarsi nudi pur non potendo permettersi in alcun modo di esserlo e sono talmente convinti delle loro sciabolate da non rendersi neppure conto che un piccolo sottomarino giocattolo (vedi Légami di Almodovar) saprebbe fare meglio.

Come li riconosci:

1) camminano sempre con le spalle erette perché sfoderano l’arma

2) parlano molto di sesso così pensano di distrarti nel momento più opportuno

3) si fingono distratti dalle tue forme fisiche, anche se ostentano il rivolo di bava

4) ti saltano addosso alla velocità della luce che alla fine non capisci mai se stai iniziando, oppure hai già finito (insomma non ti danno modo di capire a che punto stai nel corteggiamento)

5) non sanno ridere mentre lo fanno perché hanno il terrore che tu possa ridere di loro

6) sono talmente veloci e senza preliminari (tanto a che servono, mica ti piacciono!) che non capisci mai se vieni per solidarietà o per piacere

7) e cosa peggiore di tutte, dopo che fanno bum bum si rilassano, convinti di averti massacrato di piacere, ma senza guardarti negli occhi, per paura di smentite che andrebbero ad inficiare il loro progressivo e temerario incedere nel regno dell’eros.

Come salvarsi dalla gabbia della conigliera? Le più ottimiste pensano di “istruirli” e portarli così a condividere il piacere del “abbiamo tutto il tempo che ci serve”, allora li spingono ad ascoltare i dischi di Sting (famoso per la sua lentezza), li accompagnano a fare yoga, imparano come un mantra alcune frasi chiave tipo “piano, piano amore, ecco vieni qui, piano”, ma senza alcun risultato.

In realtà non ci sono soluzioni, se l’uomo in questione è un uomo coniglio, te ne devi soltanto scappare tanto non cambierà, a maggior ragione se diventi la sua donna. Pensa che futuro ti tocca, se al primo appuntamento è il Fash Gordon della copula!!

L’unica salvezza che hai, se ce l’hai, è quella di essere la Wonder Woman dei poveri e quindi di essere meno attratta di lui dalle lusinghe di un amplesso lungo e costruito. La classica donna maschio che odia le smancerie ed è allergica al tempo che passa, in posizione ginecologica.

E diciamocela francamente, il più delle volte, la performance a tutti i costi, è una gran rottura di palle.

Quindi, l’unica maniera di sopravvivere indenne all’uomo che non sa scopare, è solo quando, e per chi, non ha proprio voglia di scopare!

 

Read Full Post »

Eccola.

La mia alba!

Ho sopportato

mille angherie

per poterla

vedere

ed era solo

uno stupido

cerchio di fuoco.

Read Full Post »

Older Posts »