Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for novembre 2012

Non ipotecare il futuro. Facile a dire. Lo vedevo, il futuro. Si estendeva davanti a me a perdita d’occhio, piatto, nudo. Non un progetto, non un desiderio. Non avrei scritto più. E allora, che cosa avrei fatto? Che vuoto, dentro di me, attorno a me. Inutile. I greci chiamavano i loro vecchi “mosconi”. “Inutile moscone”, si dice Ecuba nelle Troiane. Sono io. Sono rimasta folgorata. Mi domandavo come si possa riuscire ancora a vivere quando da se stessi non si spera più niente.

(S. de Beauvoir)

Annunci

Read Full Post »

La verità è che mi sento troppo esposta alle aggressioni esterne. Allora mi riparo, mi rifugio nella tana, nella mia casa e nei miei silenzi. Faccio un giro interiore dentro me stessa e mi limito a esporre solo ciò che riesco a mascherare. Quando esco, fingo. Fingere ormai è diventato il mio modo di muovermi nel tempo. Sono diventata talmente brava che riesco anche a divertirmi. Talvolta, tornando da una serata con gli amici oppure da una giornata di lavoro, mi accorgo di aver riso tutto il tempo, di essere stata divertente cinica arrogante disarmante ironica fragorosa silenziosa, in un’alternanza di stati d’animo spiazzanti anche per me stessa e di aver osservato di sottecchi quella donna, così piena di aggettivi, comodamente seduta sul divano della mistificazione. Mi guardo come un film! Polacco e di basso costo direbbe qualcuno, auto-prodotto e indipendente potrei replicare io.

“Ci sono tristezze contagiose come il riso”

Read Full Post »