Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘passione’

C’è sempre un momento, un momento preciso, nella vita, in cui una donna si rende conto di aver oltrepassato la soglia della seduzione. Accade quando gli ultimi amori ti considerano alla stregua di un camino scoppiettante, di una casa calda e accogliente, dell’unica cui rifugiarsi, l’unica che li capisce, lo spazio rilassante pieno di parole, di cibo buono e ottimo vino, una poltrona rivestita di saggezza senza isterismi dell’ultima ora, senza bicchieri sbattuti in faccia al ristorante, senza portiere sganciate in corsa. Senza emozioni. Allora ti guardi indietro e ti chiedi come hai fatto a trasformarti in Madre Teresa di Calcutta, tu che hai fatto i peggiori disastri, che hai lasciato morti sull’asfalto nel nome del sano egoismo che ti preservava dai dolori, dallo scoramento. Hai mollato sul più bello. Ti sei intenerita. Ecco cosa hai fatto. La seduzione presuppone strafottenza, certezza del sé. E non parlo di bellezza ma di magia del non dare. Non elargire rassicurazioni sul futuro, non cercare futuro e visioni d’insieme. Non costruire. Dare sempre e comunque la sensazione di vivere una fase transitoria: agli uomini piace sentirsi precari e dover mantenere la preda stretta tra le zampe nella paura della razzia indiscriminata. E allora ci spalmiamo di creme anticellulite, ci priviamo del cibo e ci gonfiamo le labbra come canotti. Cerchiamo di essere diverse e seducenti senza capire che la seduzione è nell’atteggiamento e nella cattiveria irresponsabile di non amare chi amiamo, e la scelta è facile, devi solo decidere se essere fino alla fine dei tuoi giorni una donna consapevole e non venderti al mercato delle pulci oppure svendere te stessa e giocare a essere un’eterna rincoglionita. Credo sia questo il concetto finale di tutto il movimento femminista degli ultimi anni, una lotta sotterranea e silenziosa combattuta nel silenzio della propria immagine allo specchio.

Annunci

Read Full Post »